libro

unesco2010

etv2

tatarata-riconoscimento-nazionale230x324

CIOFF-150x174
CIOFF Logo with Registration-150x82
mibac

Logo EDVision

 

 

Ideazione e testi del sito:
Orazio Ciccone 


 

Il Tataratà, nome onomatopeico derivante dal suono ritmato del tamburo,

è di certo fra i più antichi folklori al mondo ed ha origini imprecise.
Molte le interpretazioni che sono state date a quella che è oggi
una danza spettacolare e travolgente eseguita da duellanti armati di vere spade.

(Approfondimenti cliccando qui)

C O N T A T T I  A. F. C.  T A T A R A T A'
manina-mouse 30x36


"A li tempi antichi un uomo guardava vistiami, e ogni jornu un vò si mittiva 'n cunicchiuni nni ddu datu puntu e siccomu fu pri tri vonti, scavannu scavannu truvaru 'na cruci, ch'ancora esisti nni la chiesa di Santa Cruci, e cc'e un schirittu chi nun si pò lejiri da nisciuna prsuna. Pua cc'erano li Saracini... li Cristiani... e la forma di lu nostru tataratà..."
G. Pitrè in "Fiabe, novelle e racconti popolari siciliani" (pag.74) Palermo. 1875

Il G. Pitrè, è autore di uno tra i più antichi documenti legati al Tataratà con il breve racconto della leggenda del ritrovamento della Croce.

 

 

 



E’ stato diffuso dall’Amministrazione Comunale il Regolamento che i cavalcanti dovranno osservare per la partecipazione della celebrazione della Festa di Santa Croce 2014.
 
Il regolamento è stato suddiviso in 14 punti, approvati e sottoscritti dai rappresentanti dei ceti:
 
1. Tutti i cavalli e cavalieri partecipanti alla festa devono essere iscritti e avere la documentazione in regola entro martedì 27.05.2014.Mantello,razza, nome del conducente, pena esclusione dalla cavalcata;
2. Nessun cavallo è ammesso a circolare fuori dalla cavalcata nei corsi principali e nella Piazza Duomo;
3. I cavalli saranno segnati da un numero e non potranno tornare indietro rispetto al numero posseduto. Altresì non si può sostare in piazza con i cavalli facendo esibizioni di ogni tipo;
4. I Posti messi all’asta dai ceti saranno segnati da una lettera;
5. I cavalieri potranno essere accompagnati max da due aiutanti
6. I cavalieri dovranno mantenere una distanza di +/- 3 metri dal cavallo che lo precede
7. I cavalieri il sabato dovranno indossare giacca nera e pantaloni bianchi
8. Non saranno ammessi alla cavalcata di sabato e domenica cavalieri vestiti con abiti non confacenti la sagra ( abiti spagnoli, etc.) Altresì non saranno ammessi calessi, carretti e tutto ciò che non appartiene alla festa;
9. Il terzo giro di sabato e domenica dovrà svolgersi con la torcia in mano ai cavalieri che sfileranno , in fila per due, in onore della Santa Croce;
10. Sarà cura dei cavalieri procurarsi le torce;
11. I cavalieri dovranno versare la somma stabilita dai ceti al momento dell’iscrizione quale contributo alla festa;
12. Il comitato organizzatore sarà formato dall?Amministrazione Comunale che ne assumerà la Presidenza, dai rappresentanti dei ceti e dalle forze dell’ordine che svolgeranno attività di ordine pubblico;
13. I cavalieri di minore età dovranno indossare il KEP per equitazione;
14. I cavalieri che non osserveranno le regole sopra citate verranno esclusi.