Tataratà 1630
      "A li tempi antichi un uomo guardava vistiami, e ogni jornu un vò si mittiva 'n cunicchiuni nni ddu datu puntu e siccomu fu pri tri vonti, scavannu scavannu truvaru 'na cruci, ch'ancora esisti nni la chiesa di Santa Cruci, e cc'e un schirittu chi nun si pò lejiri da nisciuna prsuna. Pua cc'erano li Saracini... li Cristiani... e la forma di lu nostru tataratà..."

G. Pitrè in "Fiabe, novelle e racconti popolari siciliani" (pag.74) Palermo. 1875

Il G. Pitrè, è autore di uno tra i più antichi documenti legati al Tataratà con il breve racconto della leggenda del ritrovamento della Croce.

 

TRADUZIONE

Ai tempi antichi un uomo guardava il bestiame, e ogni giorno un bue si metteva in ginocchio in un dato punto e siccome fu per tre volte, scavando scavando trovarono una croce, che ancora esiste nella chiesa di Santa Croce, e c'erano delle scritte che non si potevano leggere da nessuna persona. Poi c'erano i Saraceni... i Cristiani... e la forma del nostro tataratà..."